LATEST ACTION

TSB Uiltrasporti  is active in many areas of flight safety and you can find in this section what we do concretely to improve safety.

Gentili Associati,

riproponiamo di seguito, una quanto mai attuale nostra comunicazione, del giugno 2015, che vi invitiamo a rileggere, alla luce della implementazione delle FTL in Alitalia.

Stimati Colleghi,

Oggi è un giorno importante che segna un’opportunità nuova per tutti i Piloti di linea alla ricerca di un punto di incontro su temi tecnico-professionali: la nascita del sito del Technical Safety Board di UILTrasporti www.TSBsafety.uiltrasporti.it non si tratta del solito sito internet ma di un vero e proprio canale di comunicazione strutturato per raccogliere informazioni e materializzare i dati raccolti in report periodici che determinino quale sia la reale percezione dei piloti sui temi di sicurezza volo proposti.

Si tratta di un’occasione unica mai proposta in passato attraverso la quale riaffermare il nostro ruolo nel panorama del trasporto aereo Nazionale.

Non siamo una compagnia aerea e non abbiamo strumenti di correzione delle problematiche che saranno evidenziate, ma con i nostri SAFETY REPORT e FATIGUE REPORT avremo la possibilità di raccogliere ed analizzare dati incrementando la nostra conoscenza in relazione alle tematiche proposte.

Ci interessa sapere cosa accade realmente in Italia dato che in base a quanto affermato da ECA nel survey “ECA barometer on pilot fatigue” la problematica della fatica operativa: “It is more wide-spread than expected and at the same time it is significantly under-reported by pilots themselves”.

L’assenza di segnalazioni non sempre è un indicatore di bontà talvolta può indicare mancanza di fiducia nel sistema, nelle possibilità di miglioramento o di cambiamento o mancanza di fiducia nell’efficacia del sistema di safety management system.

Attualmente in Europa solo il 20%, 30% dei Piloti, alla fine di un turno di volo, compila un safety report sulla fatica operativa; chi non lo fa ha varie motivazioni: il 41% dei piloti intervistati non vede benefici dal reporting system; il 32% è troppo stanco per farlo; il 14% non vuole sollevare un polverone attraverso la sua segnalazione; il 13% non vuole che ne scaturisca un giudizio negativo da parte della direzione gestionale aziendale.

Nello studio dell’ECA che copre un totale di 6000 piloti in tutta Europa i piloti Italiani sono assenti, ecco perché abbiamo intrapreso questo percorso.

Nella nostra storia non è mai stato fatto un passo del genere per varie ragioni: i dati non sono nostri, sono aziendali, il compito non è nostro, sarebbe dei rispettivi enti di sicurezza volo, sembrerebbe quindi un passo un po’ azzardato, ma non è così.

L’anonimità totale dei dati garantisce le aziende ed i segnalatori.

Gli enti preposti di sicurezza volo sembrano assenti oppure realmente non ricevono segnalazioni per ragioni di tipo gestionale.

Noi abbiamo la possibilità di effettuare delle analisi su argomenti specifici che normalmente non sono monitorizzati in maniera diretta: la fatica operativa ad esempio, il peso degli avvicendamenti, le pressioni manageriali generate dal sistema organizzativo o dalla valutazione sull’extra fuel…sono solo degli esempi sui quali, ad oggi, non esistono e difficilmente possono esistere in futuro dati aziendali.

Il nostro DATABASE e le analisi periodiche consentiranno di avere uno strumento in più per parlare di Sicurezza Volo e rispondere sempre in maniera costruttiva a chi fino ad oggi ha potuto dire che non esistono dati a dimostrazione della pesantezza di un volo, della inoperabilità di una direttrice con sosta minima, della differenza tra il riposo minimo e le soft rules etc…… Con questi dati produrremo dei report mensili con i quali trattare argomenti quali: fatica operativa, peso degli avvicendamenti, procedure da migliorare, efficacia del riposo a bordo o nelle strutture alberghiere etc… che evidentemente, per ragioni a noi sconosciute, non vengono segnalati adeguatamente alle aziende di appartenenza. La caratteristica che ci distingue dagli altri lavoratori è rappresentata dalle potenzialità di rischio della nostra attività, misurarle e rappresentarle consentirà di avere strumenti efficaci per migliorare la sicurezza delle operazioni e partecipare in maniera attiva e costruttiva al processo di miglioramento continuo. “Che ci piaccia o no, siamo noi la causa di noi stessi” Attendiamo con ansia le Vostre segnalazioni e qualunque suggerimento costruttivo vi sentiate di dare, il percorso è appena iniziato e certamente potrà essere migliorato con l’apporto di tutti.

Grazie e Buon Lavoro.

COORDINAMENTO NAZIONALE PILOTI

TECHNICAL SAFETY BOARD

UILTRASPORTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *